Va’ dove ti porta il core

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

va-dove-ti-porta-il-core

Sabato 19 novembre alle 16.00
Al teatro GialloMare di Empoli (sopra la coop di SantaMaria)
“Va’ dove ti porta il CoRe”
Una nuova performance del CoRe – coro dei residenti e degli operatori delle case per anziani del territorio.

Lo spettacolo si intitola Và dove ti porta il CoRe, e sarà una serata un po’ speciale.
Prima di tutto perché il CoRe eseguirà un’antologia di tutti gli spettacoli precedenti: …ma farò quel che potrò – dal donGiovanni di Mozart, Quarto Stato, L’Ultima Spiaggia, per 3 Soldi e Panzanella.
Un’occasione per riascoltare, ricordare, riflettere sul percorso che abbiamo fatto insieme in questi ultimi cinque anni.

E sarà poi una serata un po’ speciale anche perché la proponiamo proprio con l‘obiettivo di sollecitare una riflessione e una discussione condivisa sull’utilità di progetti come quello del CoRe per favorire la partecipazione delle persone anziane non autosufficienti alla vita culturale della comunità, e la loro inclusione sociale. Discussione che vedrà partecipare – interrompendo ad hoc lo spettacolo – i responsabili delle politiche di inclusione (rappresentanti di ASL e Amministrazioni comunali, direttori delle RSA..).

Và dove ti porta il CoRe sarà anche il momento clou del primo degli incontri di scambio previsti dal progetto MUS.INC., finanziato dall’EU attraverso il fondo Erasmus+. Le associazioni dei paesi partner provengono da Exeter (UK), Onesti (Romania), Budapest (Ungheria), Riga (Lettonia). Sinteticamente, obiettivi del progetto sono lo scambio di pratiche e la definizione del profilo professionale di musicista che attraverso l’attività musicale partecipata favorisca l’inclusione culturale e sociale di persone svantaggiate – per disabilità o condizione sociale. Da qui il nome MUS.INC.
E chissà che stavolta il CoRe non ci porti davvero molto lontano, proprio grazie a questo progetto europeo…

Vi aspettiamo!

Butta la bomba bel musin!

FacebooktwittermailFacebooktwittermail
Butta la bomba bel musin
martedì 22 Novembre ore 21:15
Cinema La Perla, via de’ Neri 5, Empoli

bel-musin

Evento promosso, organizzato e sostenuto dal Comune di Empoli nella settimana della giornata contro la violenza sulle donne.
Con il patrocinio delle associazioni:
Sezione soci coop Empoli, Porte Aperte, Lilith, Acqua in gabbia
Empoli jazz, Astro, Astro dragon ladies, Auser, Spi, Cgil, Fidapa,
Plantago, Imagine, La Valigia Blu.
Foto di Carolina Rugi.

Lo spettacolo…

Un invito sopra le righe ad andare un po’ dentro le righe.

Un locale notturno, il “Pink Pig”. Due ciniche musiciste jazz si trovano loro malgrado a dover ascoltare i problemi della signorina V, una donna delle pulizie apparentemente un po’ svampita, afflitta da uno strano morbo che le fa a poco a poco perdere i cinque sensi e contro il quale c’è una sola medicina: il Calmadon.

La signorina V, che è la metà di V doppio, cerca la parte che gli manca. Dov’è la parte che manca a V per essere W? Nell’amica Wilma? Nel fidanzato Wolmer? Nel nonno Wilfredo? E dove sono finiti?

Un individuo, una donna, che perde i cinque sensi via via che la vita perde il suo senso. Gli abbandoni, le perdite, il senso opprimente di mancanza incombono su di lei lasciandola nervosa e vibrante a combattere con i repentini cambi d’umore. Nel gioco espressivo, in cui non mancano brividi di gelida consapevolezza, l’ironia mitiga il sentore di perdita che aleggia nel testo.

Musica e sarcasmo si intrecciano in un racconto dai ritmi mozzafiato. Così tra uno standard jazz e l’eco di antichi canti popolari libertari le tre donne si avvicineranno sempre di più, fino quasi a fondersi, senza però perdere ognuna se stessa e la propria solitudine. La risposta ironica che tinge di assurdo le esagerate ormai banali e comuni risposte del reale.

Come una funambola nel circo della vita la protagonista salta sul trapezio, senza rete e senza bugie…gettando uno sguardo sul mondo che ci circonda e che a volte ci affonda.

Lo spettacolo trae ispirazione da “La misteriosa scomparsa di W”, il comico, sferzante, dolente testo di Stefano Benni, che racconta di V semplice e di W doppio, una parte che cerca il suo tutto.

 Katia Frese: voce recitante, sperimentazione sonora, oggetti surreali
Ilaria Savini: canto, presenze surreali
Susanna Crociani: fiati, superpresenze surreali

butta-la-bomba-bel-musin

Saluteremo il signor padrone

FacebooktwittermailFacebooktwittermail
Domenica 16 ottobre 2016, ore 18
Saluteremo il signor padrone”.
I Vincanto cantano il lavoro nel novecento.
Nell’ambito della Rassegna “Moment Musicaux”,
orga

nizzata dall’ass. Prima Materia,
nella sua sede, presso la ex scuola elementare di San Quirico in Collina (Montespertoli)
Ingresso 8 euro
ridotto (minori e studenti) 5 euro

biglietto nucleo familiare 20euro
E dopo, per chi vuole, aperitivo dopo concerto (a 2 euro)

Il ricavato dei biglietti sarà interamente devoluto a sostenere le attività di Prima Materia ed in particolare il progetto Sede.

 

Vincanto:

Ilaria Savini-voce

Alessandro Cei-Chitarra e voce

Simone Faraoni-Fisarmonica e voce

 

www.vincantomusica.it


SALUTEREMO IL SIGNOR PADRONE
Concerto dedicato ai canti di tradizione orale italiana legati al lavoro.
I Vincanto (trio composto da Alessandro Cei, Ilaria Savini e Simone Faraoni) interpretano brani del lavoro e sul lavoro, in un viaggio in cui sono protagoniste le voci dei tre interpreti, lasciate nude o accompagnate dalla chitarra, dalla fisarmonica e dalle percussioni.
Canti nati nei campi, sotto il sole che tramontava sempre troppo presto per il padrone e sempre troppo tardi per chi vedeva la sua giornata lavorativa scandita da esso, un tema che troviamo in Toscana come in Sicilia, in Pianura Padana come in Lazio. Canti che profumano di mare, come quelli dei battipali della laguna veneta, quelli delle saline e delle tonnare siciliane e canti bruciati dal sole come quelli dei mietitori maremmani e delle tabacchine salentine. Molti sono i canti che raccontano il lavoro delle donne, come le mondine e le filerine, memoria della loro condizione e delle loro lotte per i diritti di tutti.
“Saluteremo il signor padrone” racconta la protesta, la voglia di riscossa e di giustizia sociale, dagli scioperi per le otto ore in risaia fino a canti nati nel dopoguerra, come quello che testimonia l’occupazione delle Officine Reggiane.
Una serata per riflettere sul lavoro ma anche sulla sua mancanza, sull’emarginazione data dall’esserne privi, che spesso costringeva ad emigrare verso terre sconosciute ed ostili, ieri come oggi.

 

MM 16 ottobre 2016 – Saluteremo il Signor Padrone.jpg

Concerto al Circolo di Vingone!

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

concerto-vingone

Domenica 3 luglio concluderemo in bellezza l’anno scolastico al circolo ARCI Rita Atria di Vingone (Scandicci). Canteranno alcune mie allieve, accompagnate da Simone Faraoni alla tastiera e con la partecipazione straordinaria di Dino Lorimer al Violino e alla chitarra e a seguire il coro Diluvio Universale” di Staffoli (PI), diretto da Simone Faraoni (con la mia collaborazione). Dalle 19 si comincia con l’aperitivo e a seguire concerto!

MARS – Music And Resilience Support

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

L’associazione Prima Materia di cui faccio parte dal 2011 come insegnante di canto, sta iniziando una nuova esperienza grazie ai finanziamenti del programma europeo Erasmus+

MARS – Music And Resilience Support

MARS

è un progetto coordinato dall’organizzazione francese International Music Council che svilupperà un centro di risorse online e un corso di formazione e specializzazione per operatori in interventi musicali psico-sociali in contesti di marginalizzazione edeprivazione sociale, in Europa ed oltre!

Sono aperte le iscrizioni gratuite al primo corso MARS, rivolto a musicisti, musicoterapisti ed operatori sanitari, sociali, educativi interessati a sviluppare le loro competenze in questo contesto.
Più dettagli sul sito del progetto! (www.musicandresilience.net)

Prima Materia è parte di un partenariato solido e creativo, accanto a IMC (Francia), Nordoff Robbins Music Therapy (Regno Unito), Moviment Coral Catalan (Spagna), Euridea Education Agency (Italia) e il nostro partner palestinese in Libano NISCVT “Beit Atfal Assumoud”.

Io avrò l’onore di far parte dei docenti. Sperando di poter dare qualcosa e certa di imparare tanto.

Prossimi concerti Mnemosine

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Le Mnemosine si esibiranno martedì 8 marzo alla biblioteca di Scandicci, ore 18 e poi venerdì 8 aprile nella rassegna  “Aperitivo del Venerdì” ideata e programmata da Auser Scandicci nell’ambito della Libera Università di Scandicci.   In questa occasione il concerto sarà seguito da ricco aperitivo  per cui è necesario  prenotare entro le ore 12 del giorno dell’incontro 8al numero 055755188). Aperitivo e concerto costeranno 8 euro.  Il luogo dell’esibizione sarà la sala “Olga Matteuzzi” presso la sede dell’auser, via IV novembre 13 (presso il vicino circolo “Il ponte” c’è un ampio parcheggio).
aperitivo del venerdì A4

Ma il mese di aprile non è finito e ci sarà un altro importante  appuntamento:

il 16 aprile a Montespertoli presso il Centro “I lecci”, alle ore 18, nell’ambito della giornata dedicata al canto corale popolare organizzata dall’associazione Prima Materia e intolata come sempre “Popolo che canta non muore”.

popolo che canta non muore5