Tagged canti popolari

Saluteremo il signor padrone

Fondazione Istituto Dramma Popolare
di San Miniato
nell’ambito delle iniziative della
49° Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato

Sabato 16 novembre 2019 ore 21,15
Chiesa di San Rocco – Piazza Bonaparte – San Miniato
Ingresso libero

Saluteremo il signor padrone

Il lavoro nei canti del popolo italiano

Un concerto dedicato ai canti di tradizione orale italiana legati al lavoro.

Contadini, minatori, pescatori, battipali, mondine, filerine, tabacchine…mestieri oggi in gran parte dimenticati ma che troviamo raccontati nei canti a noi tramandati, spesso cantati proprio durante il lavoro per scandirne le fasi, dare un ritmo, sopportare meglio la fatica.

Molti canti sono dolenti lamenti per le condizioni tragiche nelle quali i lavoratori si trovavano ad operare, o, al contrario, raccontano momenti di rivolta e riscatto, tentativi di modificare l’ordine delle cose. Così in questo viaggio incontriamo canti nati nei campi, sotto il sole che tramontava sempre troppo presto per il padrone e sempre troppo tardi per chi vedeva la sua giornata lavorativa scandita da esso (un tema che troviamo in Toscana come in Sicilia, in Pianura Padana come in Lazio), canti che profumano di mare come quelli dei battipali della laguna veneta, quelli delle saline e delle tonnare siciliane, canti bruciati dal sole come quelli dei mietitori maremmani e delle tabacchine salentine. Molti sono anche i canti al femminile, come quelli delle mondine e delle filerine in pianura Padana, testimonianza viva delle loro durissime condizioni di lavoro e delle loro lotte per i diritti di tutti.

Saluteremo il signor padrone racconta la protesta, la voglia di riscossa e di giustizia sociale, dagli scioperi di inizio novecento per le otto ore in risaia alla storia del sindacalista siciliano Panepinto, ucciso dalla mafia nel 1911, ai canti nati nel dopoguerra, come quello che tiene viva la memoria sulla tragedia della miniera di Ribolla, avvenuta nel 1954 in provincia di Grosseto.

Protagoniste indiscusse le voci, lasciate nude o accompagnate dalla chitarra, dalla fisarmonica e dalle percussioni, per raccontare un passato vicino ma spesso dimenticato nella nostra società dove ancora troppo spesso si muore di lavoro.

Ilaria Savini, voce

Alessandro Cei, voce e chitarra

Simone Faraoni, voce e fisarmonica

Note di Toscana: diario di un moderno viaggiatore antico

 Lunedì 3 luglio ore 21:30

presso il Giardino della Cisterna a San Miniato (Via Conti 44)

nell’ambito della LXXI festa del Teatro

Note di Toscana: diario di un moderno viaggiatore antico

PRIMA ASSOLUTA.
Di e con Francesca Breschi e Vincanto

Un antico taccuino di viaggio, capitato chissà come in nostro possesso, ci trasporta per strade poco frequentate di una Toscana antica: si tratta del diario che un viaggiatore d’altri tempi ha voluto consegnare nelle nostre mani; un quaderno dove, con grande cura e amore, è annotata ogni pietra, ogni storia, ogni voce, ogni canto…”Ogni paese ha il suo vento”, dice Curzio Malaparte,” ogni terra ha il suo modo di respirare…” Ed ecco che improvvisamente ci trasformiamo noi stessi in moderni viaggiatori antichi col compito di narrare quel respiro di Toscana: diamo dunque vita a quell’antico quaderno che racchiude storie di Santi (come San Miniato e San Giovanni Battista, entrambi patroni di Firenze in epoche diverse) e di minatori, di poeti e contadini; di canti di confraternita e canti d’osteria, di donne sventurate e di piccoli soldatini mandati a morire al fronte, di feste a corte e canti sull’aia, di lavoratori stagionali che partono e
non sanno se torneranno…

Per INFO sui biglietti e prenotazioni: http://www.drammapopolare.it

Lunedi 19 ore 9,30 apertura biglietteria per prenotazioni e informazioni
0571400955

Prossimi concerti Mnemosine

FacebooktwittermailFacebooktwittermail

Le Mnemosine si esibiranno martedì 8 marzo alla biblioteca di Scandicci, ore 18 e poi venerdì 8 aprile nella rassegna  “Aperitivo del Venerdì” ideata e programmata da Auser Scandicci nell’ambito della Libera Università di Scandicci.   In questa occasione il concerto sarà seguito da ricco aperitivo  per cui è necesario  prenotare entro le ore 12 del giorno dell’incontro 8al numero 055755188). Aperitivo e concerto costeranno 8 euro.  Il luogo dell’esibizione sarà la sala “Olga Matteuzzi” presso la sede dell’auser, via IV novembre 13 (presso il vicino circolo “Il ponte” c’è un ampio parcheggio).
aperitivo del venerdì A4

Ma il mese di aprile non è finito e ci sarà un altro importante  appuntamento:

il 16 aprile a Montespertoli presso il Centro “I lecci”, alle ore 18, nell’ambito della giornata dedicata al canto corale popolare organizzata dall’associazione Prima Materia e intolata come sempre “Popolo che canta non muore”.

popolo che canta non muore5

Concerto e Laboratorio Vincanto al Circolo Scighera di Milano

FacebooktwittermailFacebooktwittermail
Concerto dei Vincanto al Folk Club di Torino
Concerto dei Vincanto al Folk Club di Torino

Vincanto

Sabato 19 settembre, Arci Scighera, via Candiani 131, Milano:
Laboratorio di sei ore sui canti dei migranti italiani

Ore 21:00 concerto: Trenta giorni di nave a vapore, I Vincanto cantano l’emigrazione italiana

per info e prenotazioni infovoci@gmail.com; www.vocidimezzo.it; www.lascighera.org